Non c’è Tiziano Renzi ma nella sede del Partito democratico di Rignano sull’Arno (Firenze), dove lui fino a stasera era il segretario, tutti, una quarantina di persone, lo sentono presente. La lettera con la quale si è auto-sospeso è l’unico punto all’ordine del giorno della riunione, ma di sostituirlo nessuno ne parla: “Vediamo come andrà a finire la vicenda”, dice lo stesso coordinatore metropolitano fiorentino del partito, Fabio Incatasciato, salito fino a Rignano per dare una dimostrazione di attenzione di tutto il partito. Del resto l’assemblea degli iscritti l’aveva convocata, per il 6 marzo scorso, lo stesso segretario Tiziano Renzi. Saltò a metà pomeriggio: troppi i giornalisti e le tv presenti una settimana fa nel paese che ha visto i natali dell’ex premier Matteo Renzi. Anche oggi, intorno alle 19, secondo quanto spiegato dai primi militanti arrivati stasera nella sede, in piazza XXV aprile, nel centro del paese, nella chat del Pd rignanese circolavano notizie sul numero dei cronisti presenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Voucher, il referendum sarà il 28 maggio. Camusso: “Election day”. Con lei anche Emiliano, bersaniani e Cinquestelle

prev
Articolo Successivo

Scontri Napoli, Sgarbi vs De Magistris: “Non puoi difendere i delinquenti! Chiedo lo scioglimento del comune”

next