Commento caustico di Ficarra e Picone ai pesanti tagli operati dal governo al fondo non autosufficienze e a quello per le politiche sociali. Nel prologo di Striscia La Notizia, su Canale 5, (qui la puntata integrale), Picone spiega: “Dopo aver regalato soldi a banche, a slot machine e vitalizi vari, ha ridotto di 50 milioni il Fondo da destinare ai disabili gravissimi”. “Il governo, tagliando 50 milioni, ai disabili non è che ha tagliato il fondo” – ironizza amaramente Ficarra – “lo ha proprio toccato il fondo. E dire che era un governo di cortesia”. “Eppure il presidente della Repubblica Mattarella poco tempo fa aveva detto che non bisognava lasciare i disabili da soli”, osserva Picone. “Allora, ho capito tutto” – aggiunge Ficarra – “Prima i disabili erano soli e avevano 500 milioni. Appena si sono avvicinati i politici, sono spariti 50 milioni: hanno preso il 10%. E’ una tariffa fissa. Loro prendono il 3% sui lavori pubblici e il 10% sui disabili. Sono prezzi popolari. Hanno ragione i politici. Da qualche parte i soldi devono prenderli, non è che possono sempre rubare

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, cara Raggi nascondere i cassonetti non servirà a nascondere i poveri

prev
Articolo Successivo

Dj Fabo, l’ultimo saluto a Milano. Mina Welby: “Farlo morire scelta grande”. Sala: “Tema da regolamentare”

next