Giornata di corteo e di scioperi anche a Milano, dove questa mattina centinaia di studentesse e lavoratrici hanno attraversato le strade del capoluogo lombardo vestite di rosa, con cartelli e striscioni. La manifestazione, organizzata dal movimento “Non una di meno” in occasione della Festa dell’8 marzo, fa parte di una mobilitazione che tocca diverse città in Italia. A Milano è partita da Largo Cairoli per concludersi davanti al palazzo della Regione Lombardia. “Da una giornata di festa deve diventare una giornata di protesta – spiega una lavoratrice del Comune di Milano – È l’unico modo per farci sentire, perché pochi mesi fa abbiamo fatto un corteo a Roma con 200mila persone e non siamo state viste. I giornali hanno fatto finta di niente. Oggi invece siamo qui con radio e tv”.  Un corteo pacifico e colorato, con slogan contro l’obiezione di coscienza e la violenza di genere.”Le donne argentine hanno detto una cosa molto semplice – ha spiegato una ragazza del movimento Non una di meno – Se le nostre vite non valgono, al punto che veniamo ammazzate, che non abbiamo diritti, e che guadagniamo meno degli uomini allora scioperiamo. Ci fermiamo, per far vedere qual è il nostro peso nella società”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sciopero 8 marzo, cortei in tutta Italia. Mattarella: “Via ostacoli a parità. Femminicidio è emergenza sociale”

next
Articolo Successivo

8 marzo, in piazza anche migliaia di maschi gay. Per i diritti delle loro figlie

next