Dj Fabo ha scelto di morire, per farlo si è dovuto rivolgere ad una struttura in Svizzera, dove l’eutanasia è un diritto riconosciuto. In Italia il dibattito è stato avviato in Parlamento nel 2016: è  la prima volta nella storia del Parlamento italiano, ma da allora è rimasto fermo. Il ddl sul biotestamento ha invece avuto il primo via libera dalla commissione Affari Sociali della Camera il 17 febbraio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Biotestamento, “ogni mese in 90 chiedono informazioni sul suicidio assistito. C’è chi prosegue e chi cambia idea”

next
Articolo Successivo

Dj Fabo, Cappato da Zurigo: “Lo abbiamo aiutato a ottenere quello che voleva. E adesso raccontiamo la sua storia”

next