Dj Fabo ha scelto di morire, per farlo si è dovuto rivolgere ad una struttura in Svizzera, dove l’eutanasia è un diritto riconosciuto. In Italia il dibattito è stato avviato in Parlamento nel 2016: è  la prima volta nella storia del Parlamento italiano, ma da allora è rimasto fermo. Il ddl sul biotestamento ha invece avuto il primo via libera dalla commissione Affari Sociali della Camera il 17 febbraio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Biotestamento, “ogni mese in 90 chiedono informazioni sul suicidio assistito. C’è chi prosegue e chi cambia idea”

prev
Articolo Successivo

Dj Fabo, Cappato da Zurigo: “Lo abbiamo aiutato a ottenere quello che voleva. E adesso raccontiamo la sua storia”

next