In piazza Madonna di Loreto, a pochi passi da Piazza Venezia e dal Campidoglio, è stato organizzato il sit-it di protesta da parte degli attivisti del Movimento 5 stelle contrari al nuovo stadio della Roma. I militanti critici chiedono il ritiro della delibera di pubblico interesse sullo stadio nell’area dell’ex ippodromo di Tor di Valle, approvata ai tempi dell’amministrazione Marino. Se Beppe Grillo per ora dice che verranno “ascoltate le popolazioni” e i comitati locali, senza però dare risposta sull’ipotesi di un voto online, al contrario il gruppo di attivisti M5S chiede che l’opera – secondo il progetto attuale – venga fermata: “Questo progetto va bocciato, lo stadio è illegale”, ha rivendicato Francesco Sanvitto, coordinatore del tavolo Urbanistica. “Una volta approvato, farò una denuncia alla magistratura. Se si andrà avanti con questo progetto? Io continuo a esprimere il mio pensiero. Se il M5S non me lo permetterà, sarà lui che abbandonerà me…”, ha continuato. Tra i più delusi, c’è chi medita l’addio: “Io sono pronta a lasciare il M5S se diventa come gli altri”, rivendica un’iscritta. Ma non tutti sono d’accordo: “Tradimento? Quello lo fanno solo i palazzinari ai romani”, taglia corto un’altra attivista. Tra chi protesta, però, tutti concordano sul fatto che si debba ripartire con un progetto differente per lo stadio: “Abbiamo detto sì, nì, no. Ci vuole chiarezza e coerenza. Se abbiamo detto che era un speculazione, ora bisogna fermarsi”, ha spiegato l’attivista Massimiliano Perrotta. Raggi però non ha ricevuto la delegazione dei militanti, almeno per ora. “Non ci hanno ricevuto – ha raccontato Sanvitto – evidentemente accolgono solo gli osannanti, non chi fa proposte serie e tecniche. Per questo siamo andati all’ufficio del protocollo”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scissione Pd: Renzi chiede rispetto ma lui l’ha avuto?

prev
Articolo Successivo

Pd verso la scissione, si riunisce la direzione. Segui la diretta

next