Presentato l’anno scorso a Cannes Gimme Danger arriva in sala solo per giorni, il 21 e il 22 febbraio, il docufilm di Jim Jarmusch dedicato a Iggy Pop e agli Stooges. “Da tempo volevo omaggiare il mio gruppo giovanile che tanto ha segnato nella storia del rock, e nessuno meglio di Jim poteva realizzarlo” aveva detto il musicista all’anagrafe Jim Osterberg. Da parte sua Jarmusch aveva definito il suo doc, di cui il fattoquotidiano.it, vi presenta una clip in esclusiva. una “lettera d’amore a Iggy e agli Stooges che appartengono alla mia colonna sonora giovanile insieme agli MC5 e ai Velvet Underground”. 

Si tratta essenzialmente di un collage di materiali per lo più inediti “che voleva essere emozionante, divertente, pop e caotico”. Il reperimento del materiale però non è stato affatto rapido, semplicemente perché “io non sono uno che conserva le cose (letteralmente “I am a throw-away-guy”) – aveva ribattuto il cantante – “e quindi ho dovuto andare a cercarle presso amici e conoscenti, chiunque sapevo avesse tenuto materiale su di me e gli Stooges, inclusi i nostri spacciatori”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pasquale Squitieri morto a Roma: il regista scomparso a 78 anni

prev
Articolo Successivo

Festival di Berlino 2017, Orso d’oro a “On Body and Soul” di Ildikó Eneydi. Orso d’argento a Aki Kaurismaki

next