Sulla lattina il messaggio è chiaramente patriottico: “America, e pluribus unum”. Ma l’americanità della birra Budweiser è finita nel mirino dei sostenitori di Donald Trump dopo che il sito Breitbart, vicino alla nuova amministrazione, ha sparato a zero contro il nuovo spot “non patriottico” che il colosso Anheuser-Busch ha mandato in onda domenica, nella notte del Super bowl.

Il videoclip, in lavorazione da un anno, e dunque da ben prima dell’ordine esecutivo di Trump sull’immigrazione, racconta in 60 secondi la storia dell’arrivo del fondatore Adolphus Busch in America. Intitolato “Born the Hard Way”, lo spot punta i riflettori sul viaggio dalla Germania di Busch nel 1857 e del suo arrivo in America, accolto da insulti nel segno del “Tornatene a casa, non ti vogliamo qui”.

Approdato a St. Louis, Busch incontrò il fondatore di Budweiser, Eberhard Anheuser, e insieme fondarono Anheuser-Busch. “Lo spot mostra l’inizio del nostro viaggio”, ha detto il vicepresidente della birra Ricardo Marques: “Anche se è ambientato nell’Ottocento, è una storia che farà eco tra gli imprenditori di oggi: quelli che continuano a puntare alto per realizzare i loro sogni”.

Le polemiche sullo spot, in cui Busch diventa un progenitore della generazione di birrai artigianali così di moda da qualche anno in America, mostrano come sia diventato incandescente il clima politico in Usa dopo l’elezione di Trump. Lo spot ha scatenato un boicottaggio tra i sostenitori di Trump: dopo Breitbart, che ha collegato Anheuser-Bush all’uso di “attori di sinistra” nelle sue pubblicità, il sito dell’ultradestra Freedomdaily ha definite “disgustoso” il videoclip e che Budweiser “la pagherà cara” con l’hashtag #BoycottBudweiser in salita su Twitter e una valanga di micromessaggi all’insegna del “Tornatevene a casa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Super Bowl 2017, lo spot di 84 Lumber: il cortometraggio censurato sul muro di Trump

prev
Articolo Successivo

Omicidio all’italiana, il trailer del nuovo film di Maccio Capatonda

next