Si è ucciso sotto gli occhi di centinaia di persone, lasciandosi affogare nel Canal Grande, a Venezia. Il suicida è Pateh Sabally22 anni. Il giovane, partito da Pozzallo, in Sicilia, dove aveva ottenuto un permesso di soggiorno per motivi umanitari dopo essere scappato dal Gambia, era arrivato domenica scorsa, 22 gennaio, nella città veneta. Sceso dal treno, ha lasciato lo zainetto fuori dalla stazione e si è gettato nel canale.

Oggi, il Gazzettino.it ha pubblicato un video che mostra la scena, girato con un cellulare da una persona che si trovava sul ponte degli Scalzi. “Africa ..! Dai, butta il salvagente.., butta il salvagente…” si sente gridare all’indirizzo dei marinai di un vaporetto che si trova a fianco del migrante. “…Questo è scemo, vuol morire…” dice qualcun altro, invitando il personale del vaporetto a gettarsi in acqua. Le immagini mostrano Sabally che evita ogni tentativo di afferrare i salvagente, con le braccia tese in alto, fino a farsi sommergere dall’acqua.

Nessuno dei presenti si è tuffato, forse pensando ad un gesto dimostrativo. Il corpo del 22enne africano è stato recuperato più tardi dai sommozzatori dei vigili del fuoco. Il giovane, giunto sulle coste siciliane a bordo di un barcone e poi trasferitosi a Milano, aveva in tasca il permesso di soggiorno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, due studenti rapinati e picchiati fuori da una discoteca: “Ci hanno urlato ‘froci di m…'”

next
Articolo Successivo

Pendolaria 2016: tra linee fantasma e corse scomparse la fotografia di Legambiente dell’Italia in treno

next