L’Intelligenza Artificiale (AI) può prevedere la morte di chi soffre di malattie cardiache. Un software testato dal Consiglio di ricerca medica del Regno Unito, analizzando i test del sangue e monitorando i battiti cardiaci, è riuscito a imparare a captare i segnali del cuore che sta per cedere e prevedere la morte o sopravvivenza del paziente in modo corretto nell’80% dei casi. Meglio dei medici, che ci riescono il 60% delle volte.

In questo modo, spiega lo studio pubblicato sulla rivista Radiology, si hanno maggiori chance di salvare la vita di questi pazienti. Per arrivare a questo risultato, i ricercatori – come riporta l’Ansa -hanno studiato le persone con ipertensione polmonare, e visto che questo fattore danneggia parte del cuore, e che circa un terzo dei pazienti muore a 5 anni dalla diagnosi. Al programma di AI sono state sottoposte le risonanze magnetiche del cuore di 256 pazienti e i risultati delle loro analisi del sangue. Ha poi misurato il movimento di 30mila diversi punti nella struttura del cuore durante ogni battito. Quando questi dati sono stati combinati con quelli delle cartelle cliniche dei pazienti raccolti in 8 anni, il software ha imparato a riconoscere quali anomalie potevano far prevedere la morte del paziente nei cinque anni successivi. È riuscito a prevedere correttamente chi sarebbe sopravvissuto dopo un anno l’80% delle volte. Meglio dei dottori, che ci riescono il 60% delle volte. “L’Intelligenza Artificiale permette di fare terapie su misura e ci aiuta ad elaborare il trattamento intensivo per chi ne può beneficiare di più”, commenta Declan O’Regan, uno dei ricercatori. I ricercatori vogliono ora testare il programma su altri pazienti di altri ospedali, prima di renderlo disponibile ad altri medici, e anche per altre patologie cardiache, come la cardiomiopatia, per cui spesso è necessario mettere un pacemaker.

L’abstract dello studio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venere, osservata dalla sonda Akatsuki un’enorme onda a 65 km dalla superficie

prev
Articolo Successivo

Stress, “importante fattore di rischio infarto al pari di fumo e ipertensione”. Così cervello e cuore sono collegati

next