Sgombero all’alba, nel centro storico di Genova, di un edificio chiamato “Casa occupata Pellicceria”. Abbandonato da 17 anni, nel 2012 era stato occupato da un gruppo di anarchici. Polizia e carabinieri hanno preso possesso nella mattinata dei cinque piani del palazzo, trovandolo vuoto. Dopo l’inizio delle operazioni di sgombero, sono arrivati alcuni degli occupanti che in questi anni nell’edificio avevano avviato iniziative per il quartiere, come il Gran Bazar (mercato libero di scambio, senza soldi, di vestiti, mobili e giocattoli), la palestra popolare gratuita (con corsi di joga, boxe e altre discipline), la sala per il cinema e i concerti musicali, la biblioteca-libreria (con libero scambio di libri), la falegnameria e l’officina per le biciclette. I libri, gli attrezzi, i giochi e il materiale accumulato in questi anni è stato in gran parte recuperato dal gruppo che aveva gestito l’occupazione, con l’aiuto dei vicini e degli abitanti del quartiere. Lo stabile di 5 piani, di proprietà della Comunione “Coeredi Chiarella“, sarà restituito ai proprietari e, stando a quanto si apprende, sarà messo in vendita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mediaset, Berlusconi cancella gli impegni a Roma e resta ad Arcore per studiare contromosse alla scalata di Vivendi

next
Articolo Successivo

Alitalia, errore nei sistemi di vendita online: giro del mondo in business class a prezzi stracciati

next