Confronto pepato a Dimartedì (La7) tra il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, e il giornalista dell’Unità, Mario Lavia, sul referendum costituzionale e in particolare sul nuovo Senato. Travaglio osserva: “In questa riforma c’è scritto testualmente che i senatori sono eletti dai Consigli Regionali. Non c’è scritto nient’altro. La legge che sta spacciando Renzi non è mai stata approvata, ma è stata presentata dai suoi oppositori 2 anni fa ed è stata ignorata, tanto che il proponente di quella legge, Federico Fornaro, è schierato con il NO. Sono venditori di tappeti questi qua. E lo stesso vale per l’Italicum. Ma come si fa a fidarsi di gente così?”. Lavia ribatte: “Non sono i passanti che mandano queste persone al Senato, ma gli elettori. Il popolo non è solo quella cosa che scrivi nei tuoi articoli per farti bello col pubblico, il popolo è una cosa seria. E deciderà chi va al Senato”. “No” – replica Travaglio- “decideranno i Consigli Regionali. C’è un limite anche alle patacche. Il nuovo Senato, secondo questa riforma, è formato da 100 persone, 5 le nomina il capo dello Stato, 21 i Consigli Regionali tra i sindaci, 74 i Consigli Regionali tra i consiglieri. Circa i 21 sindaci, come fa il popolo a decidere quali andranno al Senato con l’immunità e quali non ci andranno ? E come fanno i cittadini a decidere sui 5 senatori nominati dal capo dello Stato? Questi fanno una riforma che dice che i senatori li eleggono i consigli regionali e poi vogliono fare una legge ordinaria che dice il contrario”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, Travaglio vs Lavia (Unità): “Si sciacqui la bocca quando parla di me e Berlusconi, non l’ho mai sostenuto”

prev
Articolo Successivo

Firme false Palermo, Scanzi a Di Maio (M5S): “Con caso Emilia due pesi e due misure”. “Non siamo stati a guardare”

next