Alle prime ore di questa mattina si è svolta un’imponente operazione della Polizia di Stato, denominata ‘Nido d’aquila’, nel quartiere di Tor Bella Monaca, a Roma. Agenti dei commissariati Casilino Nuovo ed Appio Nuovo, unitamente a personale della locale Squadra Mobile, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Roma su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di 26 persone accusate, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, molteplici episodi di spaccio, violazione della normativa sulle armi e riciclaggio di denaro. Nel corso delle operazioni – al termine delle quali 16 indagati sono stati associati al carcere, mentre per 10 di loro sono scattati gli arresti domiciliari – sono state altresì eseguite 35 perquisizioni domiciliari finalizzate al rinvenimento di armi e droga nonchè il sequestro di 12 veicoli utilizzati dai membri dell’associazione, 3 immobili ed un terreno acquistati con i proventi dell’attività delittuosa

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, naufraga un gommone carico di migranti: almeno sei morti, 114 in salvo

next
Articolo Successivo

Cantone: “C’è un’anticorruzione di facciata”. Continua il duello con De Luca

next