Il bacio è un post su Instagram scritto tra le parole “vendo” e “t-shirt”. Così in molti avranno pensato vedendo quanto apparso sul profilo Instagram della bionda Chiara Ferragni, fashion blogger della prima ora e nuova “partner in crime” di Fedez. E a quelli che non l’hanno pensato, che dire? Se hanno più di 16 anni e un accesso a Internet, forse sono loro i migliori candidati per una pre spedizione su Marte senza apparecchiature di protezione. Comunque, vero amore o una storia tenuta in piedi dai like? Forse meglio davvero morire a temperature marziane che rispondere a questa grande domanda. Sette milioni di follower lei e una popolarità enorme, quantomeno in suolo italico, luiChiara, che ormai è un brand consolidato (10 milioni di fatturato per quella che ormai è un’azienda ben strutturata e basata non solo sull’immagine della bionda blogger ma anche sulla vendita di prodotti moda), incontra Fedez, che ormai è un brand consolidato, tra il successo discografico, quello come giudice di X Factor, l’etichetta avviata con J-Ax e il presenzialismo social. I due si mettono insieme e si fotografano, notte e giorno purché sia in posa. Che ciascuno dei due ci “guadagni” in termini di passaparola e di allargamento del target di riferimento è cosa che viene in mente quasi subito. Poi magari è amore, chi siamo noi per giudicare il sentimento? Ma a guardare il bacio social il messaggio dei due sembra essere qualcosa del tipo: “Continuate pure a fare supposizioni, illazioni, a dire che non vi piacciamo, che non ve ne importa. Intanto state guardando il post, verosimilmente leggerete pezzi a noi dedicati e noi saremo lì, nelle nostre vasche idromassaggio a brindare alla vostra. Forse a km di distanza”. O forse no.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pink Floyd, The Early Years 1965-1972: la storia in musica. O forse la Storia e basta

prev
Articolo Successivo

Cranio Randagio, gli amici: “Ci è morto fra le braccia”. Sequestrati i loro telefonini

next