“Essere podolico è uno stile di vita”. Questa è la frase ricamata sul grembiule di Michele Sabatino, figlio di pastori e titolare di una piccola e caratteristica macelleria nel cuore del Gargano, ad Apricena (FG). Qui, viene fatta una speciale selezione di carni d’eccellenza allevate allo stato brado e semibrado: capra garganica, maiale nero dei Monti Dauni e vacca podolica. Non è semplice, né scontato, pensare di riuscire a mantenere viva una tradizione legata alle cadenze e alle abitudini del passato, soprattutto quando sembra non esserci la possibilità di fermarsi senza il rischio di restare indietro. Michele Sabatino ci è riuscito.

Ha fatto il macellaio quasi per caso, dopo che hanno rubato le mucche a suo padre. Da quella brutta esperienza in qualche modo bisognava ripartire e reinventarsi. Lui ha voluto onorare la sua terra e le sue origini e ha creato quella che adesso è la sua attività.

Ora è innamorato del proprio lavoro e cerca quotidianamente persone che abbiano la sua stessa vocazione. Per questo lavora con il dottor Giuseppe Bramante, un allevatore di Rignano Garganico. Hanno idee comuni, crescono animali per ottenere carni saporite e le giuste marezzature.

Tradizione e contemporaneità convivono, così come il passato da allevatore e il presente da macellaio fortemente ancorato all’innovazione e alla scelta della materia prima. Una passione forte condivisa dai semplici consumatori, ma anche dagli chef, perché quando la bontà è così lampante non si può far altro che condividerla e assecondarla.

Articolo Precedente

La storia di Roberto Grattone, il foodhero del formaggio Montébore

prev
Articolo Successivo

Molino Bardazzi, la storia di una farina buona

next