Danilo Calonego e Bruno Cacace, i due tecnici italiani rapiti in Libia, sono stati liberati. La notizia, riportata da alcuni media libici, è stata confermata dalla Farnesina. Liberato anche Frank Boccia, italo-canadese rapito insieme ai due il 19 settembre scorso tra le 7 e le 8 del mattino a Ghat nel sud della Libia al confine con l’Algeria. Calonego e Cacace hanno fatto rientro in Italia la notte tra il 4 e il 5 novembre con un volo dedicato e saranno ascoltati in mattinata: racconteranno alla procura di Roma le ore del rapimento e della prigionia. I due hanno riferito di stare bene e di non aver subito violenze.

Secondo una fonte di sicurezza libica di alto livello i due tecnici sarebbero stati liberati attraverso un’operazione di intelligence portata in atto dal Consiglio Presidenziale. Il capo del consiglio comunale della città di Ghat ha detto che “gli occidentali liberati sono in buona salute”. Danilo Calonego, 66enne della provincia di Belluno e Bruno Cacace, 56enne residente a Borgo San Dalmazzo (Cuneo), lavorano come ingegneri per la società italiana Con.i.cos. (Costruzioni internazionali contratti) di Mondovì, attiva dal 1977 con lavori importanti nel settore edile in Italia e all’estero.

“Abbiamo vissuto con apprensione, insieme ai familiari, i giorni del sequestro, non sapevamo nulla, c’era silenzio. Ora questa notizia ci rallegra. La città si sveglia felice perché tutto si è risolto per il meglio”: queste le parole del sindaco di Borgo San Dalmuzzo (Cuneo), Gian Paolo Beretta che commenta con AdnKronos la liberazione del suo concittadino Bruno Cacace. “Ho passato dei giorni infernali, ma ora è tutto passato”. E’ felice la mamma di Bruno Cacace, Maria Margherita Forneris. Intorno a lei, a villa Primula in Borgo San Dalmazzo, si è stretta tutta la famiglia: “Oggi è una giornata bella, non vedo l’ora di abbracciarlo perché quando tornava dalla Libia, abitava con me – ha detto – Ho avuto tanti momenti di sconforto, ma la comunità di Borgo ci è stata vicino. Faremo una festa di famiglia e una festa di ringraziamento“. Da Roma Cacace ha chiamato le figlie che abitano in Francia.

E anche la sorella di Danilo Calonego, Daniela, ha espresso felicità per la notizia appresa dalla Farnesina: “Finalmente è un buon giorno. So che mio fratello è libero. Non l’ho ancora sentito. Aspettiamo tutti il suo ritorno. Sono contenta, veramente contenta. È da quel 19 settembre che non avevamo più notizie di Danilo. Non so quando tornerà a casa ma l’aspettiamo”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libia, Calonego e Cacace “liberati dal governo di Tripoli”. Dubbi sul pagamento di un riscatto

next
Articolo Successivo

Brasile, la damnatio memoriae di Lula e di quanto di buono aveva fatto

next