Nella pizzeria Koala la famiglia Lorettucci è ancora al lavoro, perché non ci si può fermare. Ma il terremoto del 30 ottobre ha lasciato un segno indelebile. Lo ha lasciato nell’immaginario dei piccoli di casa che raccontano il terremoto nei loro disegni. Lo ha lasciato in quello della madre, Monia, che ha temuto per le loro vite. Lo ha lasciato in quello di Ivo, 65 anni, padre, nonno e proprietario della pizzeria: “In 65 anni non ho mai visto nulla del genere”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto, il caso Fabriano: “Qui non è crollato nulla, con gli interventi antisismici abbiamo evitato il dramma”

next
Articolo Successivo

Terremoto, a Fabriano gli sfollati passano la notte in treno: “La paura è tanta”

next