Sono oltre trecento i rider che a Torino lavorano per Foodora, l’azienda tedesca di delivery alimentare al centro di una vertenza che vede gli stessi ciclisti-fattorini in agitazione dallo scoro 8 ottobre. Daniele è uno di loro, ha 36 anni e una laurea in storia: “Ho fatto il barista, l’insegnante e poi ho lavorato tre mesi come postino in bicicletta: così quando è spuntata fuori l’occasione di lavorare con Foodora mi sono fatto avanti”. Dall’autunno scorso, ogni sera sfida il traffico, la pioggia e le buche della strada in sella alla propria bicicletta: “Utilizziamo la nostra, e il nostro smartphone per ricevere gli ordini. Mediamente riusciamo a farne due all’ora, ma con il passaggio dei contratti a cottimo si spingono i rider a viaggiare sempre più veloce e a rischiare sempre di più”. Ieri sera Daniele è riuscito ad effettuare dieci consegne in quattro ore di turno percorrendo in totale 35 chilometri. Una serata di ordinaria amministrazione se paragonata al fine settimana o ai giorni delle partite di calcio dove la frequenza degli ordini aumenta esponenzialmente  di Stefano Caselli e Simone Bauducco

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pensioni e perequazioni, cosa fare per ottenere gli arretrati

next
Articolo Successivo

I vecchi stanno vincendo la lotta di classe

next