Quando li vedi sbarcare scalzi, le braccia e le gambe segnate dalle cicatrici e dalle ustioni, lo sguardo confuso, ti chiedi quale sarà il loro destino. Dove verranno portati, se verranno accolti in modo dignitoso, protetti, ascoltati, o se, al contrario, resteranno per mesi nei cosiddetti hotspot come quello di Pozzallo. Strutture sovraffollate e sudice, dove la dimensione umana viene dimenticata.
Con quasi 6mila nuovi arrivi sulle nostre coste negli ultimi due giorni, il sistema di accoglienza italiano è ancora una volta al collasso. 153mila 450 migranti sbarcati nei primi dieci mesi del 2016, di cui 20mila minori non accompagnati. Il 10% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

“Siamo di fronte a numeri molto alti rispetto al passato, ma non si può assolutamente parlare di emergenza”, commenta Paola Ottaviano di Borderline Sicilia, un’associazione di legali molto attiva nell’assistenza ai migranti e nella denuncia di casi di cattiva accoglienza. “Data la situazione in Libia, si tratta di eventi prevedibili e calcolabili”. A mandare in tilt l’accoglienza – spiega Ottaviano – sono le frontiere chiuse. “L’approccio hotspot prevedeva che l’Italia si occupasse al 100% delle identificazioni e l’Europa si impegnasse sul fronte relocation. Ci risulta che su quasi 160mila posti previsti per migranti arrivati tra Italia e Grecia, ne siano stati “ricollocati” appena 5mila. Nel frattempo il nostro sistema di accoglienza non è stato riorganizzato né rimodulato per accogliere flussi così consistenti di persone”.

In Sicilia ogni giorno vengono denunciati nuovi casi di cattiva accoglienza, sottolineano i legali di Borderline. “Centri improvvisati e stracolmi, mancanza di personale qualificato, situazioni di degrado e senza controllo”. A farne le spese sono molto spesso i minori non accompagnati. “La Prefettura ha previsto l’apertura di nuovi centri accoglienza “emergenziale” per un massimo di 50 minori che, di fatto, sono dei Centri di accoglienza straordinaria dove i ragazzini rischiano di restare abbandonati per mesi”, conclude Ottaviano.

FOTO DI MADDALENA MIGLIORE

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fabriano, picchiava e insultava i suoi alunni: “Stronzi, imbecilli”. Sospesa una maestra d’asilo

next
Articolo Successivo

Roma, Raggi: ‘Frigoriferi lasciati in strada’. Muraro rincara: ‘C’è una volontà’

next