Un corteo per le vie di San Lorenzo, nel cuore della movida studentesca, apre il week end di proteste contro le politiche economiche del governo Renzi. “Basta lavoro nero, basta sfruttamento, basta voucher!”, un centinaio di giovani ha deciso di scendere nelle strade del quartiere per denunciare la condizione di precarietà che un’intera generazione vive. Una street parade, con slogan urlati al megafono, tra i bar e ristoranti il tintinnio dei calici e la luce dei fumogeni, i passanti che guardano, il motivetto swing di un clarinetto e di una chitarra. Si annida nello storico rione romano un esercito di lavoratori sottopagati, senza tutele e diritti, proprio qui dove essere studente rende ancora più ricattabili. “Il nostro 21 ottobre sarà uno sciopero h24, come h24 sono le nuove forme di sfruttamento”, dicono gli attivisti  di Maurizio Franco, Maria Panariello e Leonardo Filippi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, lacrimogeni contro lavoratori in presidio al Caat. “Lottiamo contro false coop”

next
Articolo Successivo

Sciopero generale, a Roma blitz degli studenti al convegno Brain at work: “No a lavoro senza diritti”

next