Il fronte del Sì al referendum ha trovato i suoi “guardiani”: i Masai. Con una serie di foto pubblicate sul proprio profilo Facebook, creato ad hoc all’inizio di ottobre, il comitato “Kenya per il Sì” ha ufficializzato la sua adesione alla battaglia per la riforma della Costituzione.

L’iniziativa è stata promossa da Pasquale Tiritò, imprenditore alberghiero proprietario di un lussuoso resort a sud di Malindi. Lui stesso si definisce “coordinatore del Kenya per il Sì”, e su Facebook spiega che il comitato “non vuole essere solo un supporto al cambiamento”. E nell’inaugurare la campagna per il “cambiamento fra gli Italiani all’Equatore”, promette: “Ci confronteremo volentieri con chi la pensa diversamente: ne avremo l’ occasione presto”.

Le popolazioni degli altipiani situati al confine tra Kenya e Somalia, dunque, posando davanti al manifesto in sostegno del ddl Boschi, hanno sciolto le loro riserve. Anche per i Masai, basta un Sì.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum costituzionale, il voto non è un giudizio su Renzi

next
Articolo Successivo

Referendum, Tar Lazio respinge il ricorso M5s e Sinistra sul quesito: “Inammissibile per difetto di giurisdizione”

next