Il fronte del Sì al referendum ha trovato i suoi “guardiani”: i Masai. Con una serie di foto pubblicate sul proprio profilo Facebook, creato ad hoc all’inizio di ottobre, il comitato “Kenya per il Sì” ha ufficializzato la sua adesione alla battaglia per la riforma della Costituzione.

L’iniziativa è stata promossa da Pasquale Tiritò, imprenditore alberghiero proprietario di un lussuoso resort a sud di Malindi. Lui stesso si definisce “coordinatore del Kenya per il Sì”, e su Facebook spiega che il comitato “non vuole essere solo un supporto al cambiamento”. E nell’inaugurare la campagna per il “cambiamento fra gli Italiani all’Equatore”, promette: “Ci confronteremo volentieri con chi la pensa diversamente: ne avremo l’ occasione presto”.

Le popolazioni degli altipiani situati al confine tra Kenya e Somalia, dunque, posando davanti al manifesto in sostegno del ddl Boschi, hanno sciolto le loro riserve. Anche per i Masai, basta un Sì.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Referendum costituzionale, il voto non è un giudizio su Renzi

prev
Articolo Successivo

Referendum, Tar Lazio respinge il ricorso M5s e Sinistra sul quesito: “Inammissibile per difetto di giurisdizione”

next