Va all’asta il revolver con cui Paul Verlaine sparò contro il poeta Arthur Rimabud: sarà battuto dalla casa Christie’s di Parigi il prossimo 30 novembre con una stima tra 50mila e 60mila euro. “”Il faut être absolument moderne“: qui si trovava l’Hotel à la Ville de Courtrai presso il quale il 10 luglio 1873 Paul Verlaine ferì Arthur Rimbaud con un colpo di pistola”: sono queste le parole incise sulla lastra che campeggia al numero 1 della Rue des Brasseurs, a Bruxelles. Proprio nel punto in cui l’amore intenso e passionale tra i due sfociò nel dramma: il 10 luglio 1873 Verlaine si recò all’armeria Montigny di Bruxelles, nella galleria Saint-Hubert, dove acquistò un revolver a sei colpi Lefaucheux calibro sette millimetri, pagandolo 23 franchi. Verlaine rientrò all’albergo in cui alloggiava e lo mostrò al suo amante Arthur Rimbaud, gridando: “È per te, per me, per tutti!”. Poi i due ‘poeti uscirono per pranzo e bevvero assenzio. Ritornati nuovamente in albergo, intorno alle 14, Verlaine perse definitivamente la testa e sparò due colpi a Rimbaud gridando “Prendi, ti insegno io a voler partire!”. Un colpo ferì Rimbaud leggermente a un polso, l’altro si conficcò in una parete.  Verlaine fu così arrestato e incarcerato a Mons, dove rimase per quasi due anni. Rimbaud raggiunse la fattoria di famiglia a Roche, nelle Ardenne, dove scrisse “Una stagione all’inferno“.  La pistola fu confiscata dalla polizia belga subito dopo il ferimento e restituita in seguito all’armeria Montigny di Bruxelles. Nel 1981, al momento della chiusura dell’armeria, il revolver fu venduto all’attuale proprietario che ora ha deciso di metterlo all’asta.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti e festival, le colpe di una cultura per pochi eletti

next
Articolo Successivo

Dario Fo, il ricordo dei suoi collaboratori più stretti: “Era fisico da ogni punto di vista. Non sopportava il vuoto”

next