“Una capacità polmonare incomprensibile considerate le condizioni cliniche”. Parla lo pneumologo Delfino Luigi Legnani, direttore di pneumologia all’Ospedale Sacco di Milano. E spiega il male che il 13 ottobre 2016 si è portato via Dario Fo: “Una patologia con la quale ha convissuto per anni, che ha un decorso lento ma inesorabile”. E sulle ultime ore aggiunge: “E’ stato estremamente lucido e collaborante fino a ieri”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dario Fo, addio al premio Nobel. Grillo: “Era la libertà incarnata, sarà sempre con noi”. Renzi: “Italia perde un protagonista”

prev
Articolo Successivo

Milano, 36 arresti per traffico di shaboo. Carabinieri: “Chiuso più grosso canale di rifornimento del Nord Italia”

next