Mg si trasferisce in Cina. Lo storico marchio di automobili e del british style su quattro ruote lascia la Gran Bretagna per trasferire definitivamente l’intero processo produttivo nel Paese asiatico. Smantellato anche l’ultimo stabilimento di Longbridge, nelle Midlands. In Inghilterra resta, per il momento, solo il settore vendita, marketing e post-vendita. “Centralizzando la produzione Mg dimostra il suo impegno per il futuro“, ha detto un portavoce della casa automobilistica, sottolineando comunque la volontà di “continuare ad attrarre ingegneri di alta capacità e designer di talento presenti nel Regno Unito”. Timori per l’occupazione sono stati invece sollevati dal deputato laburista Richard Burden, eletto in un collegio della zona, che ha definito la decisione “deludente e prematura” e ha chiesto al governo conservatore d’intervenire.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Se pensano di intimorirmi sbagliano persona”, Renzi escluso dal summit e a caccia di flessibilità attacca la Ue

prev
Articolo Successivo

Bahamas lekas, i nomi degli italiani. Dai reduci dello scandalo Lockheed, ai soci di imprenditori in odor di mafia

next