Un sito abusivo, dove erano stati stoccati rifiuti speciali non pericolosi, circa 30.000 tonnellate di materiale, è stato sequestro dai finanzieri del comando provinciale della guardia di finanza di Napoli a Santa Maria la Carità, in provincia di Napoli. Due persone, ritenute responsabili dell’illecito, sono stati denunciati all’autorità giudiziaria. L’area a cui le fiamme gialle hanno messo i sigilli è ampia circa 21mila metri quadrati. Le due persone denunciate sono un uomo di 39 anni di Gragnano (Napoli) e un uomo di 32 anni, di Casola di Nola (Napoli)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sorrento, sequestrato resort a consigliere regionale campano. Era paladina della lotta all’abusivismo edilizio

next
Articolo Successivo

Puliamo il Mondo, basta un po’ di volontà

next