“La prima era proprio brutta, tant’è che, quando l’ho vista, ho detto: cambiamola. Ma io faccio il ministro e non il ministro della Comunicazione. Io ho verificato la nuova campagna e il motivo per cui ho rimosso il direttore è che la foto che ho autorizzato non era quella poi passata”. Nel giorno del Fertility Day Beatrice Lorenzin interviene sulla valanga di polemiche che hanno travolto il ministero della Salute. Il primo lancio della campagna, che oggi ammette essere stato quanto meno inadeguato, è stato bersagliato dalle critiche. Il secondo pure, con le accuse di razzismo finite con il licenziamento della direttrice della comunicazione del ministero. “Per me la seconda non è brutta e non c’è nessuna intenzione razzista – afferma il ministro -, se vedete le immagini originali del depliant ci sono dei ragazzi che si drogano. Un capro espiatorio il dirigente rimosso? Direi di no, visto che avevo sostenuto la prima campagna e ho detto che l’avremmo fatta migliore”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Olimpiadi Roma 2024, il ‘No’ della Raggi è un invito a crescere

prev
Articolo Successivo

Italia 5 stelle Palermo, in programma Gigi D’Agostino e torneo di calcio. Presentano Rosita Celentano e Claudio Gioè

next