A piedi scalzi per non fare rumore, serrature aperte senza essere distrutte grazie ad un kit in grado di aprire ogni tipo di porta. E’ quanto hanno scoperto i carabinieri di Torino che hanno arrestato i componenti della banda dei ladri scalzi, poco prima di un colpo. Si tratta di quattro georgiani tra i 22 e i 26 anni accusati di tentato furto in abitazione e sospettati di avere messo a segno decine di colpi. Gli arresti sono stati possibili grazie alla collaborazione di un condomino che è riuscito a sventare il furto nell’appartamento del vicino  grazie alle immagini in diretta ricevute sul telefonino. Dopo aver subito un furto in casa, infatti, l’uomo ha installato una app antifurto sullo smartphone collegata a una telecamera installata sulla porta d’ingresso. Alle due di domenica notte l’applicazione antifurto gli ha inviato le immagini di quattro uomini scalzi andare su e giù per le scale del suo condominio e ha chiamato i carabinieri. La banda aveva già iniziato a forzare la serratura di un appartamento del decimo piano e all’arrivo dei carabinieri i quattro fermati erano seduti sui gradini e hanno detto di aspettare un loro amico. A luglio uno della banda era già stato arrestato dai carabinieri di Rivoli per un altro furto

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Audi gialla, catturato il presunto autista al confine tra l’Albania e la Grecia: è un uomo albanese di 36 anni

next
Articolo Successivo

Sisma, Zaccarelli: “Così saranno le casette. Rispetteremo impegni col governo”

next