Per decenni è stato l’emblema delle specie animali in pericolo di estinzione, il simbolo dei precari equilibri biologici del pianeta terra minacciati dalle attività umane. Tanto da essere scelto come mascotte del WWF. Da oggi, però, i panda giganti non rischiano più di scomparire. O, almeno, lo rischiano un po’ meno rispetto al passato. Lo ha annunciato l’Iucn (International Union for the Conservation of Nature), l’organismo che si occupa, tra l’altro, di stilare la cosiddetta “Lista rossa”, un elenco delle specie minacciate di estinzione. All’interno di questa lista, che divide la popolazione animale mondiale in 7 categorie, in base all’entità del rischio di scomparsa, i Panda sono passati dalla categoria “in pericolo” a quella “vulnerabile”.

L’Iucn ha apprezzato gli sforzi per la ripopolazione dei panda fatti negli ultimi anni dal governo cinese, ma ha anche sottolineato come il buon risultato potrebbe avere breve termine: nei prossimi 80 anni i cambiamenti climatici potrebbero infatti cancellare più di un terzo delle zone dove cresce il bambù, cibo fondamentale per l’alimentazione dei panda.

Brutte notizie invece per i gorilla orientali, la cui popolazione è stata cancellata per il 70% dal bracconaggio nella Repubblica Democratica del Congo. Del più grande primate del mondo ne rimangono in vita solo 5.000 esemplari, che sono stati spostati, nella “Lista rossa”, dalla categoria “in pericolo” a quella “in grave pericolo”, ossia a un passo dall’estinzione in natura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giustizia climatica, cos’è e cosa rappresenta per i diritti delle le donne

prev
Articolo Successivo

Ilva, a Taranto la vita dei cittadini è ancora in pericolo

next