L’ultimo agguato del 2016 a Foggia risaliva al 23 gennaio, ma che la pax criminale a Foggia fosse saltata si era capito da tempo. Oggi il salto di qualità perché nel mirino dei sicari è finito non solo un uomo ritenuto dagli inquirenti dell’Antimafia un capoclan, ma anche un bimbo di 4 anni. Roberto Sinesi, 54 anni, e il nipotino sono stati feriti dai sicari che hanno sparato in pieno giorno usando pistola e mitraglietta.

È tutto avvenuto nel pomeriggio. Zio e nipote erano in auto nel quartiere Candelaro, alla periferia della città, quando sono stati raggiunti e colpiti. Sinesi è considerato un esponente di vertice della Società foggiana, la mafia che opera nel nord della Puglia e il suo nome era comparso negli atti dell’operazione di polizia che a gennaio aveva portato a sette fermi. Sinesi era stato fermato il 16 giugno scorso nell’ambito dell’operazione della Dda di Bari contro il racket ai trasportatori di pomodori e l’8 luglio era stato scarcerato per un vizio di forma.

Secondo una prima ricostruzione fatta dai carabinieri, Sinesi era a bordo di una Fiat 500 L guidata dalla figlia e sedeva sul lato passeggero tenendo sulle ginocchia il nipotino. Quando la vettura è arrivata in via Amorico, i killer – non si sa se a bordo di un’auto o di una moto – hanno aperto il fuoco, presumibilmente con una mitraglietta.

L’uomo è stato raggiunto da un proiettile alla schiena e i medici degli Ospedali Riuniti di Foggia lo stanno sottoponendo ad un intervento chirurgico. Il proiettile che ha ferito il bimbo è invece fuoriuscito senza ledere organi vitali. Contro l’auto di Sinesi sono stati sparati diversi colpi: almeno 20 i bossoli repertati dagli investigatori dell’Arma.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siracusa, concerto in parrocchia organizzato da presunto boss: questura indaga. Parroco: “Non sapevo chi era”

prev
Articolo Successivo

Camorra, rivolta nel carcere di Airola: tra i protagonisti il baby killer del film Robinù. “È in cella che diventano boss”

next