Ha rifiutato le sedute di chemioterapia e ha scelto di curarsi con impacchi di ricotta e decotti di ortica. Una donna di 34 anni, mamma di due bambini, è morta a Rimini venerdì 2 settembre. Secondo il Resto del Carlino, la paziente era stata operata quattro anni fa al seno per un tumore all’ospedale di Santarcangelo e nei mesi scorsi più volte la famiglia e il chirurgo avevano tentato di convincerla a sottoporsi alle cure. La vicenda ricorda quella della 18enne padovana morta di leucemia dopo che i genitori e lei stessa avevano rifiutato la chemio sostenendo il ‘metodo Hamer’, l’ex medico tedesco radiato dall’Ordine per le sue teorie sulla medicina alternativa.

I parenti della paziente morta a Rimini vogliono capire quali strade si possono percorrere, per valutare se ci sono responsabilità da parte di un uomo che le aveva consigliato di combattere il tumore con rimedi naturali. “Il suo”, ha spiegato il dottor Domenico Samorani, responsabile della Chirurgia del seno all’ospedale di Santarcangelo, “era un tumore per il quale la possibilità di guarigione era del 93-95% a cinque anni dall’intervento, a patto che facesse la chemio. Ma lei ha rifiutato fin dall’inizio. E’ tornata in reparto tre mesi fa perchè stava male: abbiamo fatto gli accertamenti, ma le metastasi erano in tutto il corpo. Le ho riproposto la chemioterapia, avevamo ancora qualche possibilità di fermarle ma lei ha continuato a rifiutare”. Lo specialista ha poi concluso dicendo che non si tratta di un episodio isolato: “I casi di persone che rifiutano le cure tradizionali per affidarsi a strane persone e a pericolose teorie di guarigione sono in aumento. Sono almeno dieci le donne che in questi ultimi tre anni hanno rifiutato radio e chemio pur essendo ammalate di tumore: sono tutte morte”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dj picchiatore, è tornato in Spagna il giovane violento scomparso a Milano dopo la scarcerazione

prev
Articolo Successivo

Napoli, punta arma contro cliente e rapina la farmacia: arrestato un 17enne

next