“La goccia che ha fatto traboccare il vaso e che ci ha convinti a dimetterci? Ingerenze della Giunta che non ci aspettavamo”. Così il direttore generale di Atac, Marco Rettighieri, nella conferenza stampa per spiegare le dimissioni dalla municipalizzata dei trasporti di Roma. “La nostra è stata una decisione sofferta, ma unanime. La motivazione che ci ha spinto alle dimissioni è il fatto che la nuova amministrazione si è mostrata del tutto contraria al nostro piano industriale concordato con le banche e valido fino al 2019 e – afferma l’altro dimissionario, l’amministratore unico Armando Brandolese – che grazie ad alcune dismissioni di immobili non strumentali avrebbe portato ad Atac benefici per 95 milioni di euro”. “C’era anche una delibera del 2011 che ci autorizzava a dismettere. Il no del Campidoglio – continua – ci ha messo in crisi. Se si continua così è a rischio la stessa sostenibilità del piano”. Rettighieri ha tenuto poi ha sottolineare “Si è detto che sono un uomo del Pd, ma non è vero. Io sono un tecnico. Auguro ai miei successori di fare meglio di quanto abbiamo fatto noi e che la Giunta guidata da Virginia Raggi possa restare in carica cinque anni”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, in Virginia Raggi tutta la fragilità politica dei cinquestelle

prev
Articolo Successivo

Roma, Di Maio: “Caos? Solo l’inizio: contro di noi le lobby, compresa quella delle Olimpiadi. Ora nuove nomine”

next