“Mi va bene che si faccia polemica su di me, ma in Emilia Romagna il terremoto è stato gestito e i primi protagonisti sono stati i cittadini. È giusto avere rispetto per loro”. Così il neo-commissario alla ricostruzione Vasco Errani risponde alle critiche sollevate da diversi quotidiani sulla bontà del ‘modello Emilia‘. Modello esaltatalo anche dal presidente Matteo Renzi accanto ad Angela Merkel a Maranello e che oggi invece proprio Errani in conferenza stampa a Palazzo Chigi, ridimensiona: “Non c’è un modello da seguire, è da stolti pensarlo”. “So cos’è un terremoto – ha sottolineato Errani – e chi conosce questi eventi sa che viene prima la credibilità di chi vive quel problema e quelli delle persone che hanno vissuto un sisma. E anche sui dati della Regione Emilia Romagna resi noti a quattro anni dal sisma, sulle infiltrazioni mafiose negli subappalti (sulle quali ci sono inchieste in corso) e sulle promesse mancate replica: “Non ho la bacchetta magica, qui non si fanno miracoli. Lasciamo stare l’Emilia, giudicate me. Per i map sono rimasti 180 nuclei nel giro di qualche settimana si risolverà. Andate lì, vedete e sentite, non è finito, certo abbiamo ancora problemi nei centri storici, d’altra parte ricostruire i centri storici richiede un impegno di medio periodo. Nemmeno Mago Zurlì può ricostruire in pochissimi anni la devastazione nei centri storici e se ci sono state infiltrazioni nella ricostruzione, è bene che si denuncino”  di Manolo Lanaro

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto, Errani commissario: “Prometto trasparenza, controlli e regole nella ricostruzione”

next
Articolo Successivo

Puglia: Giancarlo Ruscitti, nuovo assessore alla Sanità, sarà la scelta giusta?

next