Barbara Olivi, è una italiana, ex imprenditrice romagnola da anni trasferitasi a Rocinha, una delle favelas più pericolose di Rio de Janeiro. Tra le case fatte di mattoni e le fogne a cielo aperto, Barbara dirige una associazione, “il sorriso dei miei bimbi” che offre assistenza ai bambini. Per lei Olimpiadi non rappresentano una opportunità ma un pericolo in più, semmai ce ne fosse bisogno. Tre settimane che, secondo i volontari che con lei operano tra ultimi della terra, ricadranno economicamente sulle tasche dei cittadini, già stremati e al limite della sopravvivenza. “Le Olimpiadi per questa favela, sono inaccessibili”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Iran, le femministe di nuovo nel mirino del governo di Teheran

prev
Articolo Successivo

Yemen, raid su un ospedale gestito da Msf: 11 morti e 19 feriti

next