Donazioni supplementari per finanziare il Movimento 5 Stelle. È la richiesta lanciata da Beppe Grillo con un post sul suo blog. “Sta per arrivare un temporale, ci sono i fulmini. Siamo sul mare, l’orizzonte. Oltre l’orizzonte l’utopia del MoVimento 5 Stelle. E’ una tempesta magnifica che sta arrivando. Lo sentite? Io lo sento in una maniera straordinaria. Stiamo cambiando veramente le cose. Come questo clima. Guardate questo cielo, guardate il mare. E’ un clima che… lampi… tuoni”, è il preambolo scelto dal comico genovese, nel video – postato sul blog – in cui compare sul lungomare di Cesenatico

“E’ quello che succederà a settembre – continua – ottobre, novembre: lampi, tuoni, tempeste. Ma noi avremo ombrelli, avremo impermeabili, passeremo attraverso qualsiasi cosa. Ci serve un po’ di solidarietà, non sempre delle solite 10.000 persone che versano 30 – 40 euro a testa. Bisogna fare qualcosa di più, bisogna che anche altri diano qualcosa. Mi ha fermato una persona che mi ha detto: sono 8 volte che do 30 euro, non ce la faccio più!” Bisogna trovare 8 persone che diano 30 euro a testa”. Un post, quello di Grillo, che fino ad oggi ha raccolto 105.556 euro di donazioni da 2.744 persone: la media di 38 euro a testa.

Poi il comico ha confermato data e luogo della festa nazionale dei 5 Stelle.  “Il 24 e il 25 settembre a Palermo – ha detto – ci saranno ospiti internazionali che parleranno di sogni, di visioni. Abbiamo bisogno di mantenere la nostra visione del mondo e vogliamo vedere e sentire altri visionari come siamo noi. Artisti. Visionari. Fantasia al potere! come diceva Gianroberto. Abbiamo bisogno di questi stimoli. Stiamo organizzando Italia 5 Stelle il 24 e il 25 settembre a Palermo in un posto vicino al mare, sempre vicino al mare”. La festa dei 5 Stelle si svolgerà, infatti, al Foro Italico sul lungomare cittadino del capoluogo siciliano.  “Il 24 e il 25 settembre a Palermo – ha detto Grillo – ci sarò anche io. Non so come arriverò, in che modo, che cosa farò. Non lo so. So che ci sarò e sarò ancora più forte di prima”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il dopo Renzi incombe, M5S in agguato. Piccolo campionario degli autogol da evitare

prev
Articolo Successivo

Referendum, Bonino: “Manca informazione”. “Riforma Senato? Non sembra eccezionale”

next