Michelangelo Abbate, 77 anni, è morto questa mattina a causa di un incendio divampato a Palermo, in corso del Mille, dove è andato in fiamme il suo negozio e l’abitazione che si trova al piano di sopra. L’uomo, titolare di una cartoleria e sanitaria, quando è divampato il rogo (secondo la polizia che indaga è avvenuto per cause accidentali, forse un corto circuito), si trovava nel negozio insieme al figlio. Abbate si è, quindi, precipitato nell’appartamento di famiglia al primo piano per soccorrere la moglie, ma è rimasto intrappolato nelle fiamme alte, alimentate da alcuni prodotti altamente infiammabili della cartoleria-sanitaria, e per lui non c’è stato nulla da fare. La donna è rimasta ferita e condotta all’ospedale Civico. Il figlio della coppia ha, invece, bruciature alle mani

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Polveri sottili, l’Aereoporto di Capodichino che fa male solo ai quadri di Caravaggio

next
Articolo Successivo

Pokemon Go, vescovo di Noto: “Come il nazismo, crea dipendenza pari al sistema totalitaristico”

next