Quasi un anno il 22enne Lewis Clark è morto sulle strade dell’Isola di Man (nel mar d’Irlanda) in uno schianto devastante contro un’altra moto che ha ucciso anche l’altro centauro, un ragazzo tedesco. Ora la mamma di Lewis ha deciso di rendere pubblico il video degli ultimi istanti di vita del figlio. Un gesto profondo e significativo, un messaggio di avvertimento per gli altri motociclisti. “Le mie braccia vorrebbero tenere mio figlio ancora una volta”, ha scritto la signora Clark. Che ha aggiunto: “Mio figlio non stava correndo, non aveva bevuto e non era drogato. Era andato lì perché amava guidare ed a 22 anni è tornato a casa in una bara. Questa è la notizia che nessun genitore dovrebbe ricevere. Non potrò più sentire la sua voce o vedere il suo bel sorriso capace di illuminare una stanza. Dobbiamo imparare tutti dall’incidente. Prima di fare una manovra pericolosa, pensate alle persone care che possono morire”

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aleppo, così la guerra cambia anche l’amore: “Nozze con pochi invitati perché le feste sono prese di mira dai raid”

next
Articolo Successivo

A Chicago, dove il razzismo è di sistema

next