Una discarica abusiva nel cuore verde di Roma. Sui tornanti che portano al Gianicolo, precisamente tra via Goffredo Mameli e la Rampa del Monte Aureo dietro la fontana storica del Prigione. Frotte di topi, decine di siringhe, montagne di rifiuti di ogni genere, alcuni speciali: come le latte di olio da 25 litri e le latte di passata di pomodoro per mense e ristoranti. Un degrado e un fetore assurdo a portata d’occhio (e di naso) dei turisti che ogni giorno passano di lì. Questo a pochi metri dalla bellissima fontana dell’Acqua Paola. Tutto inizia nel 2014: i lavori (mai compiuti) di ristrutturazione della Rampa, finanziati con un milione 200mila euro, sono bloccati in Comune. Il cantiere è aperto e le transenne che “bloccavano” (è un eufemismo) l’accesso ai mezzi e alle persone non addette, non esiste più. Così qui da anni vengono gettate grandi quantità di immondizia tra gli alberi e le piante del Gianicolo. Il presidente del municipio I, Sabrina Alfonsi (Pd), intervistata sul posto da ilfattoquotidiano.it afferma: “Ho messo al corrente della discarica abusiva l’assessore all’Ambiente, Paola Muraro (M5S), il Servizio Giardini del Comune di Roma e l’Ama. A fine agosto dovrebbero iniziare i lavori, ma il problema è che chi deve ristrutturare la rampa non ha la competenza per rimuovere i rifiuti”. E precisa: “Finché quest’area non verrà bonificata, i lavori non potranno iniziare” di Marina de Ghantuz Cubbe e Marco Mastrandrea

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sprechi alimentari, bene la legge ma senza penali l’Italia resta indietro

next
Articolo Successivo

Animali domestici, luci ed ombre: perché averli può non essere ecosostenibile

next