Due morti e un ferito in un nuovo agguato avvenuto nel centro storico di Napoli, dove è in corso una guerra tra bande che si contendono le piazze dello spaccio. I killer hanno agito in pieno giorno, colpendo tre persone in Vico delle Nocelle, in zona Materdei. Secondo gli investigatori, le due vittime e il ferito sono elementi di spicco della criminalità organizzata, con ruoli di rilievo nei clan della zona.

Le vittime sono Ciro Marfé, 25 anni, morto sul colpo vicino al suo scooter e Salvatore Esposito, 32 anni, trasportato ancora in vita all’ospedale Cardarelli, dove è deceduto poco più tardi. Non sarebbe invece in pericolo di vita Pasquale Amodio, 43 anni, ricoverato al Vecchio Pellegrini con una una ferita alla schiena. Tutti avrebbero profili già noti alle forze dell’ordine.

Sul posto sono subito arrivate le volanti del Nucleo investigativo dei carabinieri, che indagano sull’accaduto. Si tratterebbe di un nuovo episodio della faida in corso tra clan rivali per la gestione del traffico della droga. Gli inquirenti si stanno concentrando in particolare sulle attività del clan camorristico dei Sequino. I militari hanno effettuato i rilievi in vico delle Nocelle e raccolto elementi utili alle indagini. Secondo le prime ipotesi, le vittime sarebbero stati raggiunte dai sicari mentre erano a bordo dei propri scooter, trovati sul posto. Marfè ed Esposito sono stati colpiti ripetutamente.

Proprio ieri la Dia, nel suo rapporto semestrale, aveva segnalato la recrudescenza degli scontri tra bande rivali. “Tra le vittime – si legge nella nota- figurano anche giovani estranei alle logiche criminali, coinvolti nelle faide per meri legami di parentela o per essersi trovati casualmente sui luoghi degli agguati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caserta, uccide la compagna con 12 coltellate e si costituisce ai carabinieri

prev
Articolo Successivo

Lucca, donna bruciata viva: presunto assassino non risponde al giudice

next