Tensione a Erevan, capitale dell’Armenia, dove un gruppo di uomini armati giunti a bordo di camion ha preso d’assalto il quartier generale della polizia e dei reparti del ministero dell’Interno. E si è barricato dentro l’edificio prendendo diverse persone in ostaggio. Fra gli ostaggi, due dei quali sono stati poi liberati dalle forze speciali, c’è anche il capo della polizia Valery Osipyan. Ci sarebbero un poliziotto morto e diversi feriti. In un video diffuso dagli insorti, è spiegato che l’attacco è stato lanciato per chiedere la liberazione di Jirair Sefilyan, leader dell’opposizione arrestato il 20 giugno per detenzione di armi con l’accusa di voler mettere in piedi un’organizzazione criminale. Pochi giorni prima del fermo aveva annunciato l’intenzione di voler istituire un nuovo movimento di opposizione chiamato Comitato di Resistenza Nazionale. La zona vicino al commissariato è isolata, le strade sono tutte bloccate. Giornalisti locali riportano che i social network nel Paese sarebbero stati bloccati per evitare il diffondersi di notizie false

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Turchia, Erdogan avvia l’anti-golpe contro giudici, militari e altri oppositori. Si aggrava la deriva antidemocratica

prev
Articolo Successivo

Niger: record del Paese per numero di nascite, ma anche per povertà e miseria

next