Tensione a Erevan, capitale dell’Armenia, dove un gruppo di uomini armati giunti a bordo di camion ha preso d’assalto il quartier generale della polizia e dei reparti del ministero dell’Interno. E si è barricato dentro l’edificio prendendo diverse persone in ostaggio. Fra gli ostaggi, due dei quali sono stati poi liberati dalle forze speciali, c’è anche il capo della polizia Valery Osipyan. Ci sarebbero un poliziotto morto e diversi feriti. In un video diffuso dagli insorti, è spiegato che l’attacco è stato lanciato per chiedere la liberazione di Jirair Sefilyan, leader dell’opposizione arrestato il 20 giugno per detenzione di armi con l’accusa di voler mettere in piedi un’organizzazione criminale. Pochi giorni prima del fermo aveva annunciato l’intenzione di voler istituire un nuovo movimento di opposizione chiamato Comitato di Resistenza Nazionale. La zona vicino al commissariato è isolata, le strade sono tutte bloccate. Giornalisti locali riportano che i social network nel Paese sarebbero stati bloccati per evitare il diffondersi di notizie false

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turchia, Erdogan avvia l’anti-golpe contro giudici, militari e altri oppositori. Si aggrava la deriva antidemocratica

next
Articolo Successivo

Niger: record del Paese per numero di nascite, ma anche per povertà e miseria

next