“Oggi è stata fatta giustizia, la vendetta la lasciamo a Claudio Giardiello perché è un sentimento che non ci appartiene”. Lo ha detto Alberta Brambilla Pisoni, madre dell’avvocato Lorenzo Claris Appiani, una delle vittime dell’imprenditore Claudio Giardiello che uccise altre due persone il 9 aprile 2015 nel tribunale di Milano. La donna, anch’ella avvocato, ha commentato anche le dichiarazioni di Giardiello, oggi condannato all’ergastolo, prima che il giudice entrasse in camera di consiglio. L’uomo ha sostenuto che la pistola che ha usato si trovasse in tribunale da tre mesi. “E’ una prima dichiarazione verso una sua umanizzazione – ha detto Alberta Brambilla Pisoni – noi siamo sempre stati convinti che non c’entrasse nulla la guardia giurata sotto processo. La pistola non poteva essere entrata come aveva raccontato Giardiello”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scontro treni Puglia – Tutti gli incidenti ferroviari degli ultimi 20 anni – L’INFOGRAFICA

next
Articolo Successivo

Bernardo Provenzano cremato a Milano. ‘Niente funerale pubblico’. Arcivescovo Monreale: ‘Ci sarà momento di preghiera’

next