Per la cronaca, non sono incinta. Ho solo mangiato troppo“: così Jennifer Aniston risponde alla stampa attraverso il suo blog sull’Huffington Post. “Sono stufa del continuo controllo sulla perfetta forma del corpo che esercitano i media con la scusa del giornalismo e delle celebrity news. Tutti i giorni io e mio marito (l’attore e sceneggiatore Justin Theroux, ndr) – ha continuato – siamo tormentati da decine e decine di fotografi piazzati fuori da casa nostra, che non esitano ad avvicinarsi pur di ottenere qualsiasi tipo di foto”.

L’attrice ha proseguito dicendo di non aver mai voluto affrontar prima questo pettegolezzo “ma ora – scrive – voglio mettere a fuoco il quadro più ampio di quello che questa stampa insana rappresenta. L’immagine che viene data della donna è fuorviante e assurda. Il modo in cui vengo ritratta dai media – aggiunge – è frutto di come la società vede e ritrae le donne in generale, sulla base di standard di bellezza distorti“.

Secondo la Aniston un certo tipo di giornalismo definisce una donna in base “al suo stato civile o alla sua maternità. Siamo complete con o senza un compagno, con o senza un figlio. Abbiamo la possibilità di decidere da noi se qualcosa è bello per il nostro corpo. La decisione è nostra e solo nostra. Non ne posso più di essere considerata diversamente perché il mio corpo sta cambiando oppure perché ho mangiato un hamburger a pranzo e grazie a una foto scattata da una strana angolazione posso solo essere definita grassa o incinta”.

 

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Quando il marito è su Facebook (o gioca a Pokemon Go), la moglie?

prev
Articolo Successivo

Harrison Ford compie 74 anni: Indiana Jones barbuto (sempre in gran forma)

next