Era il 6 gennaio 2016 e a Fermo, nella Chiesa di San Marco alle Paludi, tra canti e il suono dei tamburi, don Albanesi benediva l’unione di Chimiary e Emmanuel Chidi Mbadi, il richiedente asilo nigeriano pestato a morte il 5 luglio a Fermo (leggi), mentre difendeva la compagna dagli insulti razzisti di Amedeo Mancini, l’ultrà della Fermana. Emmanuel e Chiamary erano arrivati in Italia senza documenti, dopo esseri fuggiti dalla Nigeria e dal terrore di Boko Haram, e avevano trovato accoglienza nel seminario arcivescovile di Fermo, in attesa dell’asilo. I due si erano uniti con il solo rito religioso, che non poteva avere effetti civili perché entrambi sbarcati in Italia senza documenti
(video tratto dall’account Twitter )

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fermo, dietro la morte di Emmanuel c’è un mandante

next
Articolo Successivo

Beau Salomon e Emmanuel, morti che pesano come montagne

next