La senatrice del Gruppo Misto, Alessandra Bencini, si commuove in Aula quando ricorda la scelta, da parte della compagna di Emmanuel (il migrante ucciso a botte da un italiano), di donare gli organi del giovane nigeriano: “Da infermiera posso dirvi quanto siano difficili queste richieste“. C’è da precisare che la compagna di Emmanuel non ha potuto donare gli organi, come invece era trapelato. La sua compagna, Chynery, non ha potuto dare l’autorizzazione all’espianto perché non ha potuto sposarlo legalmente. In mancanza di documenti quando sono arrivati in Italia

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fermo, Michela Murgia: “I cattivi maestri del razzista che ha ucciso Emmanuel siedono in Senato”

next
Articolo Successivo

Fermo, intervento di Giovanardi scatena bagarre al Senato: “Vattene via dall’Aula”

next