Non si sbilancia Enrico Stefàno, consigliere comunale M5s, sui nomi della Giunta della sindaca Virginia Raggi che saranno annunciati domani nel primo consiglio comunale in Campidoglio. E’ quasi certo che non sarà lui a ricoprire la casella dei trasporti, la scelta potrebbe ricadere su un’esterna, Ivana Paniccia. “Non sarà un assessore solo al comando, ma ci sarà una squadra politica e di tecnici ad affiancarlo, facciamo quello che abbiamo sempre fatto, tavoli di lavoro per mettere a disposizione del bene comune le migliori intelligenze della città” afferma. Sulle divisioni tra correnti e la guerra per le nomine Stefàno ribadisce il concetto che tutto ciò è normale dialettica esasperata dai retroscena raccontati sui giornali. “Dove siederemo in aula Giulio Cesare? Abbiamo scelto l’emiciclo di sinistra, un terzo emiciclo non potevamo farlo – continua -, una parte dovevamo sceglierla, non è la parte del Pd ma quella dove siede di solito la maggioranza”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, De Magistris snobba Renzi. Poi attacca Caltagirone: ‘Voglio il Mattino libero’

prev
Articolo Successivo

M5S, a Roma ritardi e gaffes si potevano e si possono ancora evitare

next