Il 20 maggio scorso, Jesse Olivieri alle 15,06 tentò di entrare armato di pistola nel perimetro della Casa Bianca. Il ragazzo, un trentenne della Pennsylvania, fu subito colpito al torace da un agente del ‘secret service’. Poi per un’ora la Casa Bianca, al cui interno non c’era Barack Obama, rimase in stato di ‘lockdown’, con nessuno che poteva entrare o uscire dal complesso. A quanto pare Olivieri stava ricevendo cure psichiatriche. Ora la stessa Casa Bianca ha diffuso il video con il colpo inferto a Olivieri che è sopravvissuto al colpo e si sta difendendo in tribunale dall’accusa di resistenza armata a pubblico ufficiale che può portarlo a una sentenza massima di 20 anni di prigione
(LE IMMAGINI POTREBBERO URTARE LA VOSTRA SENSIBILITA’)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Attentato Istanbul, 41 morti di cui 13 stranieri. Premier: “Tutto porta a Isis. Inquirenti: “Stranieri i tre kamikaze”. Arrestata una donna (FOTO e VIDEO)

prev
Articolo Successivo

Charlie Hebdo, “minacce via Facebook ai giornalisti”: la procura apre un’indagine

next