Quando la fusione di due buchi neri ha prodotto quest’onda gravitazionale, 1,4 mili0ni di anni fa, sulla Terra si stavano ancora formando le prime cellule evolute. L’onda, la seconda rilevata dai fisici delle collaborazioni internazionali Ligo (Laser interferometer gravitational-wave observatory) e Virgo, cui l’Italia partecipa con l’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn), dopo il primo rilevamento annunciato lo scorso 11 febbraio, ha fatto oscillare gli strumenti utilizzati per intercettarla. Ecco l’audio di questa straordinario incontro che secondo gli scienziati inaugura una nuova frontiera per l’astronomia (leggi)

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regeni, genitori: “Italia sia più esplicita. Ue isoli l’Egitto, non è un Paese amico”

next
Articolo Successivo

Canada, attacco epilettico al volante. L’anziano finisce con l’auto su due Bmw

next