“C’è un tempo per essere martello e un tempo per essere incudine. Noi dobbiamo essere incudine”. Sono le parole del capitano degli azzurri Gianluigi Buffon a poche ore dalla prima sfida per l’Italia agli Europei 2016, quella contro il Belgio. Dall’alto della sua esperienza, il nostro portiere carica la squadra, e dedica parole ai compagni che per la prima volta si affacciano all’europeo. Ma che vuol dire “essere incudine”? Giocare in difesa? Respingere i tiri in porta? “Non vuol dire che ci sentiamo vittime sacrificali“, aggiunge Buffon, sibillino. Su questo, almeno, speriamo non ci siano dubbi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rally Sardegna – Trionfa Neuville, Ogier terzo

prev
Articolo Successivo

Coppa America 2016, clamoroso goal di mano: così il Perù elimina a sorpresa il Brasile

next