“C’è un tempo per essere martello e un tempo per essere incudine. Noi dobbiamo essere incudine”. Sono le parole del capitano degli azzurri Gianluigi Buffon a poche ore dalla prima sfida per l’Italia agli Europei 2016, quella contro il Belgio. Dall’alto della sua esperienza, il nostro portiere carica la squadra, e dedica parole ai compagni che per la prima volta si affacciano all’europeo. Ma che vuol dire “essere incudine”? Giocare in difesa? Respingere i tiri in porta? “Non vuol dire che ci sentiamo vittime sacrificali“, aggiunge Buffon, sibillino. Su questo, almeno, speriamo non ci siano dubbi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rally Sardegna – Trionfa Neuville, Ogier terzo

next
Articolo Successivo

Coppa America 2016, clamoroso goal di mano: così il Perù elimina a sorpresa il Brasile

next