Mentre il livello delle acque continua a salire a causa delle incessanti piogge che hanno colpito la Francia, gli esperti tendono ad escludere una piena simile a quella che allagò la capitale nel 1910, quando la Senna raggiunse il picco di 8,62 metri nei pressi del Ponte di Austerlitz a Parigi. Era il 28 gennaio, e ci vollero 35 giorni prima che le acque si ritirassero. 20mila edifici e altrettante cantine sono colpite nella capitale, mentre la periferia registra oltre 30mila abitazioni allagate. A causa delle acque reflue di pozzi neri non collegati alla rete fognaria, l’acqua che invade la città è inquinata, e presto scoppiano casi di tifo e scarlattina. I danni ammontarono a 400 milioni di franchi-oro, l’equivalente di 1,6 miliardi di euro, ai quali si aggiunsero altri 50 milioni distribuiti per i soccorsi. Il video, nel quale sono montate immagini originali dell’epoca, è stato pubblicato su youtube dal canale keulfortes

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vecchietto reduce di guerra bacchetta il principe Harry: “Diamine, perché non ha la cravatta?”

prev
Articolo Successivo

“Ma cosa ha combinato?”: nel museo turista fracassa l’orologio a parete dell’artista

next