Sfidavano la sorte ballando sulla massicciata dei binari della stazione centrale, a Milano, schivando i treni all’ultimo momento. Il tutto per girare un video musicale. Una bravata che, ai quattro ragazzi protagonisti, tutti 20enni italiani e incensurati, residenti nel capoluogo lombardo, Varese e Genova, è costata una denuncia per interruzione di pubblico servizio. La polizia ferroviaria di Milano, infatti, li ha sorpresi in flagranza la sera del 7 maggio alle 21 con videocamera e stereo in mano dopo diverse segnalazioni da parte dei capitreno. Gli agenti arrivati sul posto hanno visto i ragazzi mentre, incuranti del pericolo, si riprendevano e ballavano a suon di musica rap a pochi centimetri dai convogli in transito, ai quali era stata comandata la cosiddetta ‘marcia a vistà per motivi di sicurezza. I poliziotti, spiegano dalla questura, hanno utilizzato proprio quei treni come scudo per non essere notati e per evitare che i ragazzi, una volta accortisi della loro presenza, si mettessero in ulteriore pericolo scappando di corsa lungo i binari. E così tre di loro sono stati colti in flagranza e fermati, mentre il quarto, che era riuscito a dileguarsi, è stato identificato dalla Polfer nei giorni successivi a seguito di accertamenti. Quella sera il traffico ferroviario ha subito numerosi rallentamenti, con ritardi fino a 60 minuti circa, sia di treni veloci che regionali

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, paura per bus in fiamme. Passeggeri: ‘Fortuna non è successo nel tunnel’

prev
Articolo Successivo

Omicidio Sara Di Pietrantonio, Feltri su titolo Libero persevera: “‘Arrostire è un verbo non corretto? Vero, meglio ‘flambè'”

next