Conosciuta come “perla dell’Asia”, Phnom Penh ha recentemente assunto l’appellativo di “perla nera della Cambogia” per l’elevato tasso di inquinamento. I canali che attraversano la capitale politica ed economica del Paese sono tra i più inquinati al mondo con i corsi d’acqua intasati da rifiuti, schiuma, contenitori per alimenti, sacchetti di plastica e liquami. L’allarme è reso ancor più grave visto che sta per iniziare la stagione dei monsoni
(video pubblicato da Khmer Times)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Muos, il ‘principio di precauzione’ vale un po’ meno

next
Articolo Successivo

Dieta vegetariana: solo per moda?

next